Palermo | 30/10/2020 | 00:24:18
Pagina Facebook Pagina Youtube Google Plus
Centro di Accoglienza Padre Nostro - ETS
Fondato dal Beato Giuseppe Puglisi il 16 luglio 1991. Eretto in ente morale con D.M. del 22.09.1999
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus

Secondo atto vandalico in un solo mese a piazzetta Beato Padre Pino Puglisi. Rubate le lampade dei lampioncini che illuminano la piazza

Maurizio Artale: «Continueremo a denunciare tutto ciò che accade in quel luogo "sacro"»

data articolo 21/08/2020 autore Maurizio Artale categoria articolo COMUNICATI
 
torna indietro
Secondo atto vandalico in un solo mese a piazzetta Beato Padre Pino Puglisi. Rubate le lampade dei lampioncini che illuminano la piazza
Uno dei lampioncini dai quali è stata sottratta la lampada

Sono lontani i tempi in cui Piazzetta Beato Padre Pino Puglisi era gremita da migliaia di persone che attendevano la venuta del Papa, in visita presso la casa dove abitava il parroco di Brancaccio ucciso dalla mafia. Quella partecipazione corale al 25° anniversario del martirio del Beato Giuseppe Puglisi sembrava una rappresentazione plastica di una scelta di vita: Palermo e Brancaccio si schieravano dalla parte giusta, quella di don Pino. Purtroppo, quanto continua a consumarsi in quel luogo di Martirio dimostra il contrario.

Mi ritorna in mente un articolo del Prof.re biblista don Giuseppe Bellia, recentemente scomparso, pubblicato da Live Sicilia, nel quale, in occasione della Beatificazione del Beato Giuseppe Puglisi, il 25/05/2013, così parlava del prete di Brancaccio: "Puglisi ha tentato di togliere quella manovalanza su cui l’ignoranza fa progredire i futuri uomini di mafia – spiegava – Uomini che, il più delle volte, come nel caso del pentito che lo ha ucciso, sono delle semplici marionette. L’opera di Padre Puglisi è stata quella appunto di seminare speranza. Perché tutte le volte che un uomo, ed in particolare un prete, può fare credere che una situazione di invivibilità può cambiare, lì c’è profezia”. Ma c’è un "MA": "La celebrazione di padre Puglisi – insisteva Bellia – non mi pare abbia un seguito popolare degno di un martire. Oggettivamente la gente è indifferente".

A più di 7 anni dalla sua beatificazione e a 20 giorni dal 27° anniversario del Martirio del Beato Giuseppe Puglisi, i “soliti noti” hanno rubato le 4 lampade che illuminano piazzetta Beato Padre Pino Puglisi, il luogo del suo Martirio. Il 3 Agosto c.a. avevano già rotto un lampioncino.

Naturalmente nessuno ha visto niente.

Derubricare questi accadimenti a semplici atti di inciviltà e vandalismo è un errore madornale. Sotteso a questi atti vi è l’odio verso chi ha dato la propria vita per gli altri e per chi ne continua la sua opera.

Noi continueremo a denunciare tutto ciò che accade in quel luogo "sacro", sperando che prima o poi cresca e si affermi una conoscenza collettiva che si mortifichi ogni qualvolta offendono la memoria dei nostri martiri e, nella fattispecie, quella del Beato Giuseppe Puglisi.

ALLEGATI

allegatoPalermotoday - Rubate le lampade in piazzetta Puglisi a Brancaccio: 'Non è solo vandalismo'  [51]

allegatoPalermo24H - Rubate le lampade in piazzetta Puglisi a Brancaccio: 'Non è solo vandalismo' [16]

allegatoPalermoLive - Brancaccio, rubano lampade in piazzetta Puglisi: «Sfregio alla memoria del nostro parroco» [15]

tag atti vandalici tag agosto 2020 tag p.tta beato padre pino puglisi segnala pagina Segnala commenta articolo
Commenta
galleria fotografica GALLERIA FOTOGRAFICA
       

ARTICOLI CORRELATI
articolo correlato Atto vandalico: lampioncino rotto a piazzetta Beato Padre Pino Puglisi
Artale agli abitanti della piazza: «fate sentire la vostra voce e la vostra indignazione»
04/08/2020