Palermo | 05/07/2022 | 20:27:29
Pagina Facebook Pagina Youtube Instagram Google Plus
Centro di Accoglienza Padre Nostro - ETS
Fondato dal Beato Giuseppe Puglisi il 16 luglio 1991. Eretto in ente morale con D.M. del 22.09.1999
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus

A distanza di un mese e di ben due atti vandalici colpito ancora il Centro di Accoglienza Padre Nostro. Vandalizzati altri 4 pannelli fotografici della mostra permanente di piazzetta Beato Giuseppe Puglisi

La legalità che genera sofferenza

data articolo 23/01/2022 autore Maurizio Artale categoria articolo COMUNICATI
 
torna indietro
A distanza di un mese e di ben due atti vandalici colpito ancora il Centro di Accoglienza Padre Nostro. Vandalizzati altri 4 pannelli fotografici della mostra permanente di piazzetta Beato Giuseppe Puglisi
I pannelli della mostra fotografica permanente Sui Suoi Passi danneggiati a piazzetta Beato Padre Pino Puglisi

Non sono trascorsi neanche 15 giorni da quando ignoti hanno fatto irruzione in una sede del Centro di Accoglienza Padre Nostro (il Centro Antiviolenza "Beato Giuseppe Puglisi") di Via San Ciro n. 6 e 30 giorni esatti da quando ignoti hanno vandalizzato la foto installata a piazzetta Beato Giuseppe Puglisi che ritrae il giorno della visita di Papa Francesco e di Mons. Corrado Lorefice alla Casa del Beato Giuseppe Puglisi, accolti da migliaia di persone.

Nella notte tra sabato 22 e domenica 23 gennaio non c'è da dubitare che gli stessi mandanti abbiano fatto vandalizzare 4 pannelli, foto che compongono la mostra di quella storica visita di Papa Francesco a Palermo in occasione del XXV Anniversario del Martirio del Beato Giuseppe Puglisi. 
Si continua a leggere in questi atti, non in filigrana, un'insofferenza, un senso di ripugnanza in quello che il Centro di Accoglienza Padre Nostro fondato dal Beato Giuseppe Puglisi rappresenta: Legalità e Giustizia, evangelizzazione e promozione umana.

In questa vigilia così delicata ed importante, che vede la politica impegnata a scegliere il nuovo Presidente della Repubblica, desidero fare un appello al Presidente Sergio Mattarella, affinché il suo ultimo atto da Presidente della Repubblica non sia l'apertura dell'anno giudiziario in Cassazione, ma una gentile visita in quello che è stato il luogo del Martirio del Beato Giuseppe Puglisi.
E un altro appello voglio farlo al Sig. Prefetto di Palermo che, in occasione dell'ultimo atto vandalico, non ci ha fatto mancare la sua vicinanza personale e istituzionale affinché faccia installare delle telecamere di videosorveglianza a piazzetta Beato Padre Pino Puglisi, luogo di prima accoglienza di quel museo diffuso che rappresenta la casa dove visse e morì per mano mafiosa il parroco di Brancaccio.

Di fatto la piazza possiede tutti i requisiti affinché si attinga ai fondi per la sicurezza: in primis la piazza è un obiettivo sensibile (vedi i più di 40 atti vandalici negli ultimi 8 anni), è un luogo di interesse nazionale (vedi 10.000 pellegrini l'anno) e contestualizzata con la casa museo sono stati riconosciuti luogo di interesse storico ed antropologico dalla Regione Siciliana, Assessorato dei BB CC AA. Per chi crede è un luogo Santo di Martirio e, in ultimo, per i laici è il luogo dove il Beato Giuseppe Puglisi, a cui è stata conferita la medaglia d'oro al valor civile proprio dal Presidente Sergio Mattarella, consegnata ai fratelli di 3P, ha donato la sua vita.

«Non fate sentire soli nella lotta ai malviventi i volontari del Centro, che da 29 anni continuano l'opera del Beato Giuseppe Puglisi!!!»

Nessuno di questi atti intimidatori e minacce ci hanno mai fatto sentire orfani, perché Padre Pino Puglisi lo sentiamo sempre con noi, ma necessitano atti concreti di solidarietà e testimonianza.

Sono stati effettuati i rilievi dai Carabinieri, che sono prontamente intervenuti.

ALLEGATI

allegatoAnsa.it - Nuovo atto vandalico al centro Padre Nostro a Brancaccio [69]

allegatoRepubblica.it - Palermo, nuovo raid contro il Centro Padre Nostro: vandalizzata la mostra sul Beato Puglisi [47]

allegatoGds.it - Palermo, nuovo raid contro il Centro Padre Nostro: vandalizzata la mostra sul beato Puglisi [46]

allegatoUfficio Stampa Diocesi di Palermo - Nuovo raid vandalico contro il Centro Padre Nostro di Brancaccio [42]

allegato98zero - Nuovo atto vandalico al Centro Padre Nostro fondato dal Beato Don Pino Puglisi. Appello a Mattarella [39]

allegatoTrapanioggi.it - Atti vandalici contro il Centro Padre Nostro di don Puglisi [43]

allegatoPalermolive.it - Vandali al Centro Padre Nostro, il presidente: “Basterebbe che ognuno facesse la sua parte” [42]

allegatoPalermooggi.it - Atti vandalici contro il Centro Padre Nostro di don Puglisi [40]

allegatoNewsicilia.it - Raid vandalico al centro Padre Nostro, danneggiati pannelli con le foto della visita del Papa [32]

allegatoLiveSicilia - Palermo, non si fermano gli atti vandalici contro il Centro Padre Nostro [47]

allegatoGiornaleCittadinoPress.it - Colpito ancora il Centro Padre Nostro: vandalizzati altri 4 pannelli fotografici della mostra permanente [36]

allegatoGds.it - Intimidazioni al Centro Padre Nostro, Consiglio di Circoscrizione in strada a Palermo [95]

allegatoTV2000 - TG2000, 23 gennaio 2022 - Ore 20.30 (minuto 14:34 - 15:08) [30]

allegatoPrima Radio - Intervista a Maurizio Artale [35]

tag atti vandalici tag gennaio 2022 tag p.tta beato padre pino puglisi segnala pagina Segnala commenta articolo
Commenta
galleria fotografica GALLERIA FOTOGRAFICA
       

ARTICOLI CORRELATI
articolo correlato Il Questore di Palermo Dr. Leopoldo Laricchia al Centro di Accoglienza Padre Nostro dopo i recenti atti vandalici

28/01/2022
articolo correlato Il raid al Centro Padre Nostro. Arriva la videosorveglianza
Il prefetto subito sul posto dopo l’ennesimo danneggiamento. Pure il sindaco assicura: "Estenderemo il sistema delle riprese"
25/01/2022
articolo correlato Il Prefetto di Palermo S.E. Giuseppe Forlani a piazzetta Beato Padre Pino Puglisi dopo l'ultimo atto vandalico ai danni della mostra fotografica permanente in ricordo visita del Papa a Palermo
Presente anche il Generale dell’Arma dei Carabinieri Giuseppe De Liso
25/01/2022