Palermo | 15/06/2024 | 16:13:42
Pagina Facebook Pagina Youtube Instagram Google Plus
Centro di Accoglienza Padre Nostro - ETS
Fondato dal Beato Giuseppe Puglisi il 16 luglio 1991. Eretto in ente morale con D.M. del 22.09.1999
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus

Palermo, presentato a Renzi il progetto di riqualifica del quartiere Brancaccio

Il progetto, presentato al presidente del consiglio Matteo Renzi, vuole migliorare e valorizzare i servizi educativi e culturali già presenti nello storico quartiere dove operò padre Puglisi. Maurizio Artale: "La storia di Brancaccio potrà cambiare soltanto se ognuno dei suoi tesori verrà valorizzato"

data articolo 15/09/2014 autore Redattore sociale categoria articolo RASSEGNA
 
torna indietro

PALERMO – La rinascita di Brancaccio, ampio quartiere periferico di Palermo dove operò e fu ucciso p. Pino Puglisi, attraverso un cooordinamento di sistema che valorizzi da una parte tutte le realtà operative nel quartiere, dalla scuola alle associazioni, agli altri enti territoriali e poi, nello stesso tempo, anche tutti i siti di maggiore riferimento di questo territorio. E’ questo quello che prevede il progetto Brancaccio 2.0 che oggi, in occasione della visita del presidente Renzi all’istituto don Pino Puglisi, è stato presentato dal presidente del centro Padre Nostro Maurizio Artale. “E’ un progetto che vede impegnate tutte le realtà, che da anni lavorano a Brancaccio - sottolinea Maurizio Artale – che ha lo scopo, attraverso una specifica mappatura, di mettere insieme tutti i tesori del quartiere organizzandoli in un sistema. Solo in questo modo Brancaccio potrà realmente voltare pagina e cambiare come sognava p. Pino Puglisi”. Il progetto infatti tende a migliorare e valorizzare i servizi educativi e culturali presenti già a Brancaccio al fine di re-immettere nel circuito formativo adulti, giovani a rischio drop out. Brancaccio 2.0 offre, in particolare, l’opportunità di consolidare tutte le azioni di intervento sinergico, già attuate negli anni e in corso d’opera da realtà pubbliche e private come la scuola, la parrocchia, la circoscrizione e l’associazione di volontariato. Tra gli obiettivi la formazione della cittadinanza attiva e un coordinamento di rete tra tutte le realtà che a vario livello operano per rispondere meglio ai bisogni del quartiere. Allo scopo il progetto prevede anche la valorizzazione di 15 siti specifici e tra questi: la piazza di Brancaccio, il fondo Inzerillo adiacente alla scuola Puglisi, il centro di accoglienza Padre Nostro, il castello di Maredolce, la chiesa di San Ciro, il ponte dell’Ammiraglio, l’eco-museo del mare nell’ex deposito di locomotive e gli ex bagni Virzì. “Le nostre aspettative sono tante e speriamo che vengono attenzionate oggi anche dal governo, nella maniera più efficace possibile -, afferma ancora Artale -. La storia di Brancaccio potrà cambiare soltanto se ognuno dei suoi tesori verrà valorizzato insieme a tutte le realtà operative che da anni si battono come fece p. Pino Puglisi. Il progetto è stato già presentato al prefetto che presto convocherà il tavolo della sicurezza dove verranno discussi i vari punti della nostra proposta. Ci auguriamo che al più presto tutti gli enti ne prendano atto”. (set)

© Copyright Redattore Sociale

tag brancaccio 2.0 tag centro padre nostro tag palermo segnala pagina Segnala
       

ARTICOLI CORRELATI
articolo correlato La ‘Resurrezione’ di Brancaccio martoriata ma ricca, maltrattata ma forte, abusata ma tenace
In uno dei più difficili quartieri di Palermo, a Brancaccio, vede la luce un progetto di ‘Resurrezione’ per recuperare tradizioni e storia di questo angolo di città, liberandolo dalla mafia. Puntando, anche, su un Osservatorio permanente sulla legalità
27/03/2015
articolo correlato I ragazzi di don Puglisi: "Oggi a Brancaccio c'è speranza"
Commissione regionale antimafia al centro Padre Nostro, presidente Artale: "Attendiamo convocazione per nuovo osservatorio su Brancaccio"
29/01/2015
articolo correlato Il Sindaco di Palermo, Il Presidente del Centro di Accoglienza Padre Nostro, i fratelli del Beato Giuseppe Puglisi chiedono riscontro al Presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi, sul progetto 'Brancaccio 2.0 La Brancaccio del Terzo Millennio'
Il Progetto è stato consegnato al Presidente del Consiglio il 15 settembre 2014, durante la sua visita a Palermo
11/12/2014