Palermo | 20/04/2024 | 00:15:23
Pagina Facebook Pagina Youtube Instagram Google Plus
Centro di Accoglienza Padre Nostro - ETS
Fondato dal Beato Giuseppe Puglisi il 16 luglio 1991. Eretto in ente morale con D.M. del 22.09.1999
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus

Attualità Puglisi 30 anni dopo - Il quartiere. La scuola c’è, l’asilo no. Brancaccio cambia ma il sogno di Puglisi non è ancora realtà

In abbandono l’area della futura piazza. Solo la prima pietra per nuova chiesa Tanti volontari al Centro Padre nostro garantiscono doposcuola e consigli legali

data articolo 15/09/2023 autore La repubblica categoria articolo RASSEGNA
 
torna indietro
Attualità Puglisi 30 anni dopo  - Il quartiere. La scuola c’è, l’asilo no. Brancaccio cambia ma il sogno di Puglisi non è ancora realtà
Articolo de La Repubblica del 15 settembre 2023

I venticinquemila metri quadrati della piazza sognata dal quartiere sono ancora incolti. L’enorme area, sulla carta, collega via Brancaccio al futuro polo parrocchiale con la chiesa dedicata a padre Pino Puglisi. Qui però, dieci anni dopo la deposizione della prima pietra da parte dal cardinale Paolo Romeo, nulla è stato fatto. Ma di fronte alla piazza che non c’è, fra pochi giorni, sarà inaugurato un centro aggregativo per accogliere i ragazzi da tutto il mondo in arrivo nel quartiere per conoscere la storia di Puglisi. In una vecchia torre seicentesca donata da un privato, ingoiata dalle case, il Centro di accoglienza Padre nostro ha realizzato l’ennesimo piccolo miracolo terreno.  
Eccolo, Brancaccio. Dove da una parte c’è chi si sbraccia ogni giorno, seguendo il motto di Puglisi «se ognuno fa qualcosa» e dall’altra ci sono le istituzioni che nella migliore delle ipotesi vengono trainate dal terzo settore e nella peggiore promettono e non mantengono. Anche per i servizi basilari: dallo spazzamento delle strade al recupero dell’immondizia dai cassonetti. «Abbiamo cercato di riqualificare pezzi di Brancaccio – dice Maurizio Artale, che guida il Centro Padre nostro- In questi anni abbiamo ricevuto tante donazioni da parte di privati che hanno visto che i progetti li realizziamo davvero. Piccoli francobolli che dimostrano come le cose si possano fare: a volte siamo riusciti a coinvolgere la pubblica amministrazione, altre volte siamo andati avanti da soli».
Il progetto Brancaccio 2.0, che prevedeva fra l’altro la piazza e l’asilo nido che nel quartiere non esistono, aveva già avuto la garanzia di risorse in arrivo dallo Stato, ma è rimasto lettera morta. «Il terreno della piazza doveva essere espropriato dalla Regione perché il Comune potesse procedere – racconta Artale – Questo non è stato fatto e abbiamo perso i fondi. Eppure il progetto esecutivo era pronto, l’abbiamo donato noi al Comune. Invece per l’asilo, che l’amministrazione Lagalla ha fatto di nuovo entrare nel Piano delle opere pubbliche, la gara dovrebbe partire entro dicembre. Nel giro di due anni dovremmo finalmente averlo».    
Alle spalle del terreno dove dovrebbe sorgere l’asilo c’è un parco giochi installato e mai inaugurato dal Comune. «Il sogno di Puglisi in questi trent’anni è stato portato avanti, fra mille difficoltà, ma non si è mai fermato – dice Artale – Il Centro che lui inaugurò, nel 1993, ha messo in rete tutti: il Comune, la Regione, il governo, i privati. Padre Pino è stato catalizzatore di riqualificazione umana prima di tutto, ma non solo. Era un profeta, vedeva cose che gli altri non immaginavano. Lui raccoglieva le istanze di Brancaccio e le portava al Comune, questo abbiamo continuato a fare anche noi. Prima di morire ha chiesto la scuola nel quartiere, ed è arrivata nove anni dopo la sua uccisione».
In un vecchio mulino del sale abbandonato adesso c’è un centro antiviolenza per accogliere le donne in difficoltà. «La mia nuova vita è cominciata con il Centro Padre nostro – racconta Vincenzo, condannato a 15 anni di carcere perché vendeva cd di contrabbando – Collaboro per tutto quelle che serve, mi sento vivo e al sicuro».
Nei famigerati magazzini di via Azolino Hazon, l’ex regno degli spacciatori per il quale Puglisi si batté facendo anticamera per ore negli uffici comunali, fino al giorno della sua morte, da dieci anni i volontari del Centro Padre nostro seguono bambini e ragazzi nel doposcuola e gli avvocati prestano la loro consulenza con uno sportello di ascolto “Pane quotidiano”  per la distribuzione di tutto quello che è necessario per le famiglie in difficoltà del quartiere.
Poi ci sono ragazzi, moltissimi, per i quali Puglisi voleva non solo un quartiere ma una società migliori. Ogni giorno a decine varcano le soglie del centro sportivo poco distante dalla sede del “Padre Nostro”. In questi giorni un gruppo sta preparando fiori di carta da portare sulla tomba di Puglisi. 
«Un fiore per Puglisi»: chissà, forse un giorno cresceranno anche sul terreno incolto della piazza, attorno alla nuova chiesa, nel parco giochi fantasma. Chissà. L’importante è che non si smetta di crederlo possibile.

di Claudia Brunetto

tag XXX anniversario tag martirio tag padre pino puglisi segnala pagina Segnala commenta articolo
Commenta
       

ARTICOLI CORRELATI
articolo correlato Poliambulatorio a Brancaccio, progetto nel nome di don Pino. Portare la salute tra la gente era il sogno del prete ucciso
Presentato alla Camera dei deputati il centro sanitario gratuito per gli abitati del quartieri
25/10/2023
articolo correlato Le contraddizioni fra la nuova mega-opera al porto e i rioni a rischio - Dietro quel molo la città che… Cala. Centro e Periferia: «Aiutate pure noi»
Le associazioni: così siamo tornati ai tempi bui Lagalla: chiediamo aiuto ad agenti in pensione
16/10/2023
articolo correlato A trent’anni dal delitto celebrazioni in Cattedrale, veglie, concerti, mostre. Un’eredità complessa ma feconda
L’omaggio di Palermo al sacerdote martire
15/09/2023
articolo correlato Il trentennale dell’omicidio di mafia di Puglisi, il sacerdote Beato. Don Pino fiaccola di Brancaccio «Il suo nome sia segno di riscatto»
In duecento alla manifestazione per le vie del rione. Oggi messa con Zuppi e Lorefice
15/09/2023
articolo correlato Attualità Puglisi 30 anni dopo - Il regista. Faenza "Giravo con la scorta dei ragazzini"

15/09/2023
articolo correlato Attualità Puglisi 30 anni dopo - L’ex alunna 'Un professore speciale Sento me allora la sua mano sulla spalla'

15/09/2023
articolo correlato La Youth Orchestra del Massimo. Nel foyer del teatro Un omaggio del Massimo a don Puglisi

15/09/2023
articolo correlato L'INTERVISTA. Il fratello del beato di Palermo “Pino, un prete vero fra i preti per mestiere. La Chiesa svolti e stia con gli ultimi”
Franco Puglisi racconta il sacerdote e l’uomo: “Ironia e buonumore”. E critica le istituzioni: “Solo annunci, Brancaccio un mondo isolato”.
15/09/2023
articolo correlato Don Puglisi, la rivoluzione del bene «Brancaccio ora rinasca dal basso»

14/09/2023
articolo correlato Don Puglisi, la sua memoria è più forte della mafia
Tv2000 stasera omaggia il sacerdote assassinato dalla mafia, il 15 settembre 1993, con il docufilm “Testimone di speranza” e venerdì con il film di Faenza “Alla luce del sole”
13/09/2023
articolo correlato Nei tram di Palermo il volto sorridente del Beato Giuseppe Puglisi nel trentennale del Suo martirio

11/08/2023
articolo correlato Trentennale del martirio del Beato Giuseppe Puglisi. Il programma delle manifestazioni

25/05/2023